MK-83

La scheda SBC italiana MK-82 era il clone della originale Ferguson BigBoard I che fu progettata per adempiere la funzione di computer programmabile all-purpose. Le successive uscite di articoli integrativi dei possessori statunitensi della scheda originale sulla rivista Microcornucopia ha consentito al clonatore italiano di effettuare interessanti ed uniche modifiche per ottenere quella che in italia fu chiamata MK-83:  una scheda di estrazione identica alla MK-82 a cui erano state implementate un processore Z80A o Z80B operante alle frequenze di clock di sistema rispettivamente a 4 o 6 MHz, un floppy disk controller per consentire la gestione della doppia faccia doppia densità sia con drive da 8” che da 5.25” con relativi connettori IDC 50pin e 34pin onboard, e la possibilità di disporre di una memoria onboard di 256Kbyte (mediante 32 Ics tipo 4164).

Sono esistite almeno 3 varianti della scheda MK83 a sua volta nata come variante dalla scheda MK82 copia della originale americana Ferguson Bigboard 1.  Di seguito riporto le differenze:

MK83 ver. A (ex CNR-PISA): per implementare una maggiore capacità di memoria dischi è stato aggiunto un chip SMC 1797 con separatore dati esterno FDC9229BT e relativi ponticelli JB10 per impostare il delay sulla precompensazione in scrittura. Allo scopo di poter utilizzare al meglio la doppia densità (MFM) con drive 8” è stata portata la frequenza di clock del sistema a 4 MHz (prelevando il clock dal pin 5 di U96) ed inserendo la serie componenti Z80 di tipo A. Inoltre i seguenti IC sono stati cambiati: U97=7406; U98=FDC9229BT; U99=LS243; U100=LS243. La eprom è ancora di tipo 2716 e gli IC Dram sono ancora di tipo 4116. Ne sono entrato in possesso nel Dicembre 2012. Dispone di n° 2 eprom di tipo 2716 con firmware versione 4.2 che viene caricato in memoria all’indirizzo F800H (non è da sapere se il firmware caricato in memoria interagisce successivamente con il contenuto delle eprom effettuando il loro switch di banco). Non dispongo dei dischetti del sistema operativo CP/M ma attraverso il comando R disponibile nel firmware è possibile leggere manualmente i settori standard da 128bytes.

Di questa versione dispongo gli schemi elettrici non esatti fotocopiati nel 1984 dal CNR di Pisa.

MK83 ver. B (“prestata” da Fabio di Modena): oltre alle varianti introdotte nella versione A, la frequenza di clock del sistema è stata portata a 6 MHz (modificando il counting U96 con un quarzo aggiuntivo) ed  inserendo la serie componenti Z80 di tipo B. Il componente U87=LS02 è stato sul circuito stampato spostato tra la CPU Z80 e U81 in modo da poter posizionare nello spazio vicino allo Z80 CTC un connettore di tipo IDC di cui al momento ignoro ancora l’uso. E’ presente un Quarzo (vicino U96) ed un IC aggiuntivo LS04 (vicino ad U97) per generare la nuova frequenza di clock del sistema di 6 MHz. La eprom è di tipo 2732 e gli IC Dram sono ora di tipo 4164 (ne sono presenti solo 8).
Non è presente la parte circuitale relativa alle interfacce RS-232 pertanto oltre alle componenti Z80 SIO/0 e  I/O 1488 e 1489 non sono presenti U107=8116 e relativo quarzo per la trasmissione seriale sincrona. Non è inoltre presente U95=LS86. Infine il connettore di alimentazione è a 6 viti invece che ad 8. Dispone di dischetti di sistema operativo CP/M ma senza i file INIT e SYSGEN pertanto è possibile disporre dei dischetti solo mediante loro creazione da file immagine con IMD.

Ulteriori verifiche hanno evidenziato che:

- Alla accensione il contenuto della unica eprom 2732 viene parzialmente ricopiato in RAM all’indirizzo F800H;

- Al boot del sistema operativo, il loader provvede a copiare il contenuto presente in SD da 182byte delle componenti del CP/M (CCP, BDOS e CBIOS) in RAM a partire dall’indirizzo 1000H, seguito dal NUOVO firmware. Immediatamente dopo tutto quanto viene automaticamente ricopiato a partire dall’indirizzo DC00H compresa la sovrapposizione del nuovo Firmware al posto di quello originale all’indirizzo F800H.

- Il sistema operativo è contenuto nei dischetti con la seguente sequenza: Track0-Side0-Sect2 to Track0-Side0-Sect26 + Track0-Side1-Sect1 to Track0-Side1-Sect26 + Track1-Side0-Sect1 to Track1-Side0-Sect12.

- Interessante la mappatura dei dischi nel CBIOS:
Drive0=A e Drive1=B: area volume dati DS/DD 9 settori da 1024byte per traccia
Drive2=C (A) e Drive3=D (B): area volume dati SS/SD 26 settori da 128byte per traccia
Pertanto con il comando: PIP A:=C:*.* è possibile copiare files da C con formato SSSD 26 settori da 128byte ad A in formato DSDD da 9 settori da 1024byte.

MK83 ver. C (solo schemi elettrici): oltre alle varianti introdotte nella versione A, per implementare una maggiore capacità di memoria dischi è stato aggiunto un chip WD1793 con separatore dati esterno FDC9226B e relativi ponticelli JB10 per impostare il delay sulla precompensazione in scrittura. Altre variazioni sono: U97=LS06; U99=LS243; U100=LS243; Z80 tutti tipo ?; eprom 2716; Dram 4164. 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 5 = tre

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Translator

Italiano flagOlandese flagInglese flagFrancese flagTedesco flagGiapponese flagSpagnolo flag                                        

Sto Cercando…

SBC Ferguson BigBoard I SBC Clone MK83 SBC Ferguson Big Board II SBC Ampro Little Board SBC Kyber Minus Board